GDPR, le regole da seguire per i Consulenti del Lavoro

La nuova normativa privacy impone a questa categoria alcune regole fondamentali

Rispettare la nuova normativa in materia di privacy, approvata dall’Unione Europa ed entrata in vigore nel maggio del 2018 è ormai una regola alla quale nessuno può sottrarsi. E’ indispensabile, dunque, che i consulenti del lavoro seguano alla lettera le novità più rilevanti al fine di rispettare tutti gli adempimenti necessari che il Regolamento Ue 2016/679 impone.

Tra le regole basilari, viene sottolineato come i dati trattati debbano essere utilizzati in maniera lecita, corretta e trasparente nei confronti dell’interessato, garantendo la sicurezza degli stessi dati.

In Italia (dati tratti dal sito dell’Ordine di categoria) i consulenti del lavoro sono circa 23 mila. Un milione di aziende (dipendenti inclusi) sono gestite da loro e nella graduatoria dei liberi professionisti occupano la terza posizione per base imponibile dopo i notai e i commercialisti. Una forza lavoro che in ottica GDPR ha avviato una serie di attività di adeguamento alla nuova normativa.

Recentemente il Garante privacy ha tenuto a rispondere ad alcune domande poste dal Consiglio Nazionale dei consulenti del lavoro sul Regolamento Ue.

I consulenti del lavoro da un lato sono “titolari” quando trattano, in autonomia e indipendenza, i dati dei propri dipendenti oppure dei propri clienti quando siano persone fisiche (come ad esempio i liberi professionisti). Dall’altro lato sono “responsabili quando trattano i dati dei dipendenti dei loro clienti sulla base dell’incarico ricevuto (ad esempio i consulenti che curano per conto di datori di lavoro la predisposizione di buste paga, pratiche relative all’assunzione e al fine rapporto, quelle previdenziali, assistenziali ecc.).

La legittimità dei trattamenti si basa sul contratto di affidamento dell’incarico e di designazione a responsabile del trattamento da parte del cliente.

L’ Autorità garante ha inoltre specificato che ai consulenti viene riconosciuto un apprezzabile margine di autonomia e correlativa responsabilità anche in merito alla individuazione e predisposizione di idonee misure di sicurezza a tutela dei dati personali.

Clicca in basso per leggere la risposta completa del Garante Privacy su un quesito relativo al ruolo del consulente del lavoro

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti per news, aggiornamenti o offerte speciali.

Ai sensi degli artt. 6, 7 e 13 del Regolamento UE 679/2016 GDPR